Come scegliere i camici per estetista in vendita online

Mai come adesso gli abiti professionali, in particolare in tutti gli ambienti correlati con il benessere, hanno assunto un’importanza incredibile anche dal punto di vista della comunicazione con la clientela e non soltanto la funzione di base di essere comodi, pratici e adatti al lavoro.

In particolare i camici da estetista in vendita online (che trovi su https://www.beautystreet.it/) hanno un compito molto importante nella relazione con la clientela, perché trasmettono un’informazione sulla pulizia e l’igiene, e quindi sulla sicurezza dell’ambiente di lavoro. Al tempo stesso comunicano uno stile e un approccio, che devono riflettere quello dello studio o del negozio.

Parlando dal punto di vista strettamente pratico, l’abbigliamento professionale per l’estetica deve mettere insieme praticità, facilità di lavaggio e pulizia, oltre che resistenza a tutti le fonti di sporco che ci possono essere in uno studio l’estetista.

Basta considerare gli smalti, le cere o le creme. Soprattutto deve consentire a chi lavora di non sudare, in modo tale da creare un ambiente più piacevole per tutti.

Le forme più amate sono sempre quelle classiche, con i bottoni davanti oppure con la chiusura a kimono, che hanno vari vantaggi. In particolare è molto semplice regolare il calore, semplicemente allentando i nodi o sbottonandosi un po’.

Per quanto riguarda i materiali, il cotone e il misto poliestere sono sicuramente quelli più adatti, perché permettono una buona traspirazione e poca sudorazione, sono facili da lavare e soprattutto molto robusti.

Quando si sceglie la forma del camice, in ogni caso, è importante parlare prima con chi dovrà indossarlo, perché spesso le estetiste sono costrette a mantenere posizioni accovacciate, curve e scomode per molto tempo e quindi sta a loro valutare l’effettiva comodità.

Nella selezione dei camici da estetista in vendita online è molto importante che gli accessori, come tasche cinghie e bordature siano ridotti al minimo indispensabile perché possono danneggiarsi e impacciare non poco le estetiste.

La comunicazione nell’abbigliamento professionale per estetica

Il camice però è anche comunicazione, perché crea un rapporto visuale tra estetista e cliente, quindi a parte una forma elegante è anche utile selezionare un colore che sia alla base del mood dello studio.

Il classico camice bianco comunica pulizia, professionalità e affidabilità, ma al tempo stesso, anche se è quello più facile da lavare e anche quello che si sporca più facilmente. Quindi se lavori in un centro estetico molto trafficato te ne occorreranno parecchi di ricambio durante il giorno.

Il rosso invece è un colore particolare, adatto ai centri benessere più energetici, perché trasmette dinamismo e azione, creando tensione positiva e allegria. Ha il grande vantaggio che sul rosso molte macchie non si vedono.

In particolare quelle di make-up e di smalti, ma al tempo stesso una tinta troppo accesa potrebbe tendere a sbiadire rapidamente se subisce troppi lavaggi aggressivi.

Il blu è un classico in tutti gli ambienti lavorativi, perché oltre a essere facile da pulire è uno dei colori che regge meglio i lavaggi frequenti ma soprattutto nasconde le macchie.

Puoi scegliere anche finte più tenui rispetto ad un blu molto acceso, ma ricordando che più è vivo il colore maggiore è la sensazione di l’energia trasmessa.

Se invece stai cercando una fornitura per un centro dove la parola chiave è “zen”, il nero è il colore che fa per te, perché assorbe benissimo macchie ed aloni, si lava bene ma soprattutto trasmette un senso di pulizia ed ordine, molto rilassante, un po’ come richiamo alle arti marziali orientali.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *